Il buio oltre la siepe - Harper Lee

Trama: In una cittadina del "profondo" Sud degli Stati Uniti l'onesto avvocato Atticus Finch è incaricato della difesa d'ufficio di un "negro" accusato di violenza carnale; riuscirà a dimostrarne l'innocenza, ma l'uomo sarà ugualmente condannato a morte. La vicenda, che è solo l'episodio centrale del romanzo, è raccontata dalla piccola Scout, la figlia di Atticus, un Huckleberry in gonnella, che scandalizza le signore con un linguaggio non proprio ortodosso, testimone e protagonista di fatti che nella loro atrocità e violenza non riescono mai a essere più grandi di lei. Nel suo raccontare lieve e veloce, ironico e pietoso, rivive il mondo dell'infanzia che è un po' di tutti noi, con i suoi miti, le sue emozioni, le sue scoperte.
 
Titolo: Il buio oltre la siepe
Autore: Harper Lee
Casa Editrice: Feltrinelli
Collana: Universale Economica Feltrinelli
Anno Pubblicazione: 2016
Pagine: 290
 

 

Questo libro è così bello e così importante a che a scriverne la recensione sono a rischio sviolinata oppure potrei usare troppa prosopopea nel tentativo di rendergli giustizia. La semplice realtà è che per rendere giustizia a questo libro esiste una sola strada: leggerlo. Poi rileggerlo. Poi farlo leggere ad altri e lasciare che il suo messaggio altamente etico ti entri dentro l'anima.
Come sanno fare i grandi libri ti svela una verità senza parole altisonanti, con una storia drammatica, ma raccontata con un'ironia che allontana ogni pericolo di sentenziosità.
Questo romanzo ci parla di scelte e dell'importanza di vivere in modo retto e giusto, senza mai voltare la faccia dall'altra parte. Il suo protagonista ha un nome, Atticus Finch, che per me rimarrà in eterno sinonimo di quanto di più giusto e bello possa esserci in un uomo. Atticus è una figura che giganteggia nel mio immaginario e ne è testimone il libro pieno zeppo di post it, tutti posizionati in corrispondenza di sue frasi:
 
"Aver coraggio significa sapere di essere sconfitti prima ancora di cominciare, e cominciare egualmente e arrivare sino in fondo, qualsiasi cosa succeda."
 
Io non ho solo letto questo libro, me lo sono proprio innestato nella corteccia cerebrale: l'ho letto a casa, l'ho contemporaneamente ascoltato con l'audiolibro in macchina e poi ho visto il film che ne è stato tratto, quello per il quale Gregory Peck ha vinto l'Oscar. Un'intera settimana è stata permeata dalle vicende di Scout, Jem e Atticus, al punto da non sapere più se vivevo in Italia nel 2017 o a Maycomb in Alabama negli anni Trenta. Una settimana accompagnata dalla dolce voce di Alba Rohrwacher, che  riusciva a rendere le parole ancora più godibili ed importanti e mi trasportava dentro i fatti con tale maestria, che non volevo scendere dall'auto, nonostante fossi arrivata a destinazione. Allora correvo a casa e leggevo il seguito e poi il giorno dopo lo riascoltavo, attardandomi a riflettere su alcune scene, sul razzismo e sull'ipocrisia e sull'attualità della storia. Un libro che non è invecchiato, perché i quesiti che pone restano brucianti e vivi, ora come allora. La perdita dell'innocenza dei due piccoli testimoni, Jem e Scout, non è una sconfitta, ma solo una dolorosa presa di coscienza perché hanno ricevuto da Atticus la cosa più preziosa di tutte: amore, attenzione e un esempio da seguire, che non è stato spiegato a parole, ma vissuto sulla pelle.

"Prima di vivere con gli altri, bisogna che viva con me stesso: la coscienza è l'unica cosa che non debba conformarsi al volere della maggioranza."
 
Lo ammetto, non ho mantenuto la promessa e mi sono fatta prendere la mano. Posso solo sperare che a voi faccia lo stesso effetto: diffondete la voce, fate passare il messaggio. #piùAtticusFinchpertutti
 
 
 

CONVERSATION

16 commenti:

  1. Bellissimo perché molto semplice e scorrevole, ma ai tempi, non lo so, mi aspettavo qualcosa... se non di più, almeno di diverso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho letto ai tempi (intorno ai 20 anni) e riletto ora (più di 20 anni dopo) e mi è piaciuto se possibile ancora di più. Per me è semplicemente perfetto.
      Lea

      Elimina
  2. Letto in età adulta, l'ho adorato fin nei più minimi dettagli. Difatti, ho il secondo libro della Lee ancora in attesa, ho paura di rimanerne delusa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io pure ho paura! Qualcuno mi ha detto che Atticus è meno Atticus e in questo momento non posso accettarlo.

      Elimina
  3. C'è l'ho dentro incastonato nel cuore e nella mente <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io Cuore. E ce lo voglio tenere per sempre.

      Elimina
  4. Un classico che non invecchierà mai, come il suo messaggio. Da leggere e da rileggere, hai ragione, e anche del film non mi stanco mai. E Gregory Peck, ne vogliamo parlare... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma parliamone! Un film meraviglioso, ma il libro ancor di più.

      Elimina
  5. Io adoro questo libro. Lo avrò letto almeno una decina di volte. E ogni volta mi sembra sempre più bello. Non posso dire però la stessa cosa del seguito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahi ahi, come temevo. Credo che non leggerò questo seguito se deve far cadere dal piedistallo il "mio" Atticus.

      Elimina
  6. Sapete che questo è stato il primo libro che, una volta letto, ho recensito sul blog. Credo proprio che sia la primissima recensione e gli sono affezionata per vari motivi. Questo è uno di quei libri a cui non si può e non si deve restare indifferenti. Io l'ho amato e continuo ad amarlo. Scelto per caso e mai scelta fu più azzeccata. Forse è anche grazie a lui se oggi sono qui a scrivere ;) Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bellissimo scoprire tante estimatrici di questo libro. Mi dà fiducia, mi infonde ottimismo.
      Un bacio
      (vado a leggere la tua prima recensione)

      Elimina
  7. Ciao Lea! Purtroppo è un libro che non ho ancora letto, però mi sono ripromessa di farlo al più presto! 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non purtroppo, ma per fortuna: ti invidio. Leggerlo sarà bellissimo.
      Lea

      Elimina
  8. concordo con ogni singola parola, ci vorrebbero più libri così e più persone simili a Atticus. #piùAtticusFinchpertutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io me lo tengo nel cuore, come un esempio da seguire.
      <3

      Elimina

Back
to top